ASICS DynaFlyte, preparati a volare con il nuovo modello di scarpe running del brand giapponese

dinaflyte-facebook

Nelle ultime stagioni, ASICS ci ha sorpreso  presentandoci modelli di scarpe running sempre più innovative e performanti, basti pensare alla rivoluzionaria MetaRun (leggi lo speciale qui) dove il concetto di ammortizzazione ha raggiunto livelli inimmaginabili.

Ora è il momento di abbattere un altro concetto: quello della velocità.

Quante volte avete dovuto sacrificare protezione o ammortizzazione di una scarpa per trovare una maggiore leggerezza e velocità? Da oggi tutti questi problemi non ci saranno, grazie alla nuova ASICS DynaFlyte, studiata appositamente per runners alla ricerca di un modello reattivo e veloce su qualsiasi terreno.

ASICS_DynaFlyte

Scopriamo insieme da dove è stato possibile progettare un modello così sorprendente.

Il primo passo è stato fatto da un unico obiettivo: più velocità, più leggerezza.

La ricerca si è sviluppata principalmente sull’intersuola creando la nuova FlyteFoam, dove le fibre di rinforzo poste tra la tomaia e la suola assicurano un maggiore ritorno di energia ad ogni passo durante la corsa, e come tutti sappiamo migliore è la reattività della scarpa maggiore è la velocità.

Ma la vera novità dell’intersuola FlyteFoam è che dopo ogni impatto la sua forma originaria resta invariata, assicurando una maggiore durata della scarpa; la sensazione che proverete sarà quella di volare e non a caso il lancio della calzatura è stato accompagnato dal claim “Don’t Run, Fly”.

Da non dimenticare anche la tomaia, completamente studiata per avvolgere il piede come un calzino grazie alla tecnologia seamless, che elimina tutte le cuciture assicurando protezione e leggerezza.

Ora non ti resta che scoprire le varie colorazioni disponibili dell’asics DynaFlyte, allacciare le stringhe e prepararti ad un viaggio senza fine dove ogni tuo record verrà abbattuto.

Scopri tutti i modelli nei reparti running dei nostri punti vendita o su maxisport.com

Visita subito Maxisport.com

Scritto da: Roberto | 14 lug 2016